Guacci. la distribuzione farmaceutica al servizio della tua farmacia. Scegli Guacci per crescere in valore ed efficienza.

Un filo diretto con i farmacisti: Hai bisogno di supporto o altro? Contattaci

Cannabis, il rapporto Iss con le segnalazioni avverse

«Nelle relazioni relative al 2020, il numero di segnalazioni pervenute al sistema di fitosorveglianza è inferiore rispetto a quanto registrato nello stesso periodo degli anni precedenti, molto probabilmente tale diminuzione, osservata in generale per tutte le segnalazioni spontanee, è attribuibile alla emergenza sanitaria da Covid-19». È quanto ha fatto sapere l’Istituto superiore di sanità, il quale ha sottolineato che «dal 1° gennaio al 30 giugno 2021 sono pervenute al sistema di fitosorveglianza 6 segnalazioni di sospette reazioni avverse associate a uso medico di cannabis».

L’età mediana dei pazienti

In merito all’età mediana dei pazienti, l’Iss ha evidenziato che «era di 68 anni e le donne rappresentavano il 67% del totale». Inoltre «dalla relazione emerge anche che tutte le segnalazioni riportavano reazioni “non gravi” mentre in un solo caso il segnalatore ha riportato “invalidante”. Tutte le segnalazioni sono state valutate, secondo le modalità previste dal sistema di fitosorveglianza. Nella quasi totalità delle segnalazioni il nesso di causalità è risultato “probabile” e in una sola è stato valutato come “possibile”».

I dati delle segnalazioni

«L’età mediana dei pazienti era di 68 anni (range: 42-85 anni) – si legge nel rapporto -, le donne rappresentavano il 67% del totale (2 maschi e 4 femmine). In un caso la reazione avversa è comparsa a dicembre 2020 e, rilevata dal medico è stata poi segnalata a febbraio 2021. I motivi d’uso riguardano principalmente il trattamento del dolore neuropatico (50% dei casi), mentre in 2 casi (33%) non era riportata l’informazione. La presenza di patologie concomitanti era indicata in 2 casi e, tra questi, non era indicato l’uso di farmaci. Tutte le segnalazioni riportavano reazioni “non gravi” mentre in un solo caso il segnalatore ha riportato “invalidante”. Le segnalazioni sono pervenute da Liguria (n=2), Toscana (n=2), Emilia-Romagna (n=1) e Veneto (n=1). Le segnalazioni sono state effettuate perlopiù da medici (n=5) e in un caso da un farmacista».

© Riproduzione riservata